Cosa mangiare fra Natale e Capodanno per non ingrassare

Cosa mangiare fra Natale e Capodanno per non ingrassare

Fra fine dicembre e inizio gennaio si consumano i pasti più abbondanti dell’anno.
Aumentare di peso è un attimo: 2 cene di Vigilia, i pranzi di Natale, Santo Stefano, Capodanno e l’Epifania trasformano le feste natalizie in un vero e proprio “tour de force” gastronomico.
Se già sei sovrappeso, rischi di aggiungere ulteriori accumuli di grasso a quelli già presenti, sentendoti sempre più frustrato.
Se sei in forma, rovinare in pochi giorni il frutto di tanti mesi di attenzioni può essere fastidioso.
Scopri cosa mangiare negli intervalli fra i pasti conviviali per arrivare a gennaio con lo stesso peso che avevi a novembre.

Non solo.

I suggerimenti che sto per darti non mirano solo alla riduzione calorica (che in sé per sé non è sempre efficace).

Sono mirati anche a riportare in equilibrio il sistema ormonale, messo sotto stress dagli eccessi culinari, e a dare una mano agli organi emuntori, fegato e reni, cui spetta l’ingrato compito di smaltire tutto il surplus che hai ingurgitato: hai presente quando la mattina dopo una cena abbondante ti svegli con le occhiaie, le dita gonfie e l’energia sotto le scarpe? Sono segni dell’affaticamento dei tuoi emuntori. Con le giuste scelte alimentari li rimetterai in sesto e ti sentirai immediatamente sgonfio e vitale e il tuo aspetto tornerà radioso.

Studia quindi attentamente le indicazioni che sto per darti ed applicale anche dopo le feste natalizie, ogni qual volta ti capiti di mangiare disordinatamente per più giorni consecutivi e senti la necessità di riportare equilibrio nel tuo corpo.

Drena e sfiamma

Sono queste le parole d’ordine.

Sfiammare perché il surplus alimentare è sempre infiammatorio, e l’infiammazione crea ritenzione idrica e squilibri ormonali alla base della propensione ad aumentare di peso con facilità.

Drenare per liberarti quanto più velocemente possibile dalle conseguenze degli eccessi alimentari.

Cosa fare?

Poche semplici mosse:

  • Riduci l’apporto proteico. Le proteine gravano sulla funzione renale, già messa sotto sforzo;
  • Abbonda con i vegetali più drenanti: cicorie, finocchi, insalata, radicchio e indivia. Si anche ai carciofi che aiutano la disintossicazione epatica.
  • Si ai carboidrati, ma integrali e ricchi di sostanze antinfiammatorie.

Veniamo adesso a come organizzarti pasto per pasto.

A colazione

Evita latte e yogurt: sono iperinsulinemizzanti.

L’insulina fa ingrassare. Fra panettone e lasagne, ne hai già prodotta a quintalate, adesso devi metterla a cuccia.

Utilizza latte di mandorle senza zuccheri aggiunti cui aggiungere dei fiocchi di avena al naturale. L’avena è naturalmente priva di glutine ed è ricca di beta glucani, molecole dalla spiccata azione antinfiammatoria ed efficace nel contrastare il colesterolo: direi che in questi giorni è opportuno consumarla!

In alternativa, puoi scegliere un tè verde o una tisana allo zenzero e limone accompagnati da una fetta di pane integrale con un cucchiaio di composta ai frutti di bosco.

A pranzo

Scegli cereali integrali in chicco.

Molto appropriati l’orzo, anch’esso ricco di beta glucani e il riso integrale biologico, che contiene la tricina, molecola antinfiammatoria.

Cuocili per assorbimento dell’acqua e poi mantecali con dei carciofi che avrai preventivamente saltato in padella con olio extravergine di oliva con aglio o/e cipolla. L’aglio è drenante, la cipolla contiene composti solforati che attivano la disintossicazione epatica.

Aggiungi un piatto di verdura cruda a scelta tra: finocchi, radicchio e indivia belga conditi con olio extravergine di oliva e succo di limone.

A cena

Legumi o pesce più un piatto di verdura.

Se scegli i legumi, abbina cicorie o finocchi o radicchio o indivia.

Se scegli il pesce, oltre ai vegetali già citati puoi abbinare anche cavolfiore o broccoli cotti al vapore e conditi con olio e succo di limone.

Aggiungi una porzione di frutta drenante: 2 clementine sono l’ideale, in alternativa 1 mela.

Perché non cito l’ananas?

Perché proviene da paesi tropicali, dove le normative sull’utilizzo dei pesticidi in agricoltura sono inesistenti. Il nostro fegato è già ai lavori forzati a causa delle abbuffate festive, non è proprio il caso di aggiungere un altro carico.

A metà mattina e a metà pomeriggio

Una decina di mandorle o due-tre noci non salate e non tostate accompagnate da tè verde o tisana allo zenzero non dolcificate.

Ultimo nell’elenco, ma primario per l’importanza: bevi tantissima acqua.

Inoltre, cerca di fare ogni giorno una camminata di 30-60 minuti a passo svelto.

Argomenti

Dicono di me

Ricette salutari per tutti i giorni

Anna Plantone
Anna Plantone
Leggi Tutto
“Ho iniziato il mio con la Dott.ssa Gallotta con l'obbiettivo di imparare a mangiare, attratta dal suo metodo "Non stare a dieta, impara a mangiare!" La consiglio vivamente perché ho imparato a seguire un alimentazione sana, funzionale e bilanciata senza tante rinunce. Il mio corpo e la mia mente mi ringraziano!”
Milena Zullo
Milena Zullo
Leggi Tutto
“Ho voluto iniziare il percorso con la dottoressa Gallotta perché ero stanca di seguire diete tristi e senza risultati. Seguendola, incredibilmente ho perso peso mangiando con gusto e piacere. Ho perso ben 12 kg, ma non solo: è cambiato tutto il mio processo digestivo e per nessun motivo al mondo vorrei tornare indietro da questo stato di benessere . La consiglio a chiunque voglia farsi un regalo.”
Margherita Girardi
Margherita Girardi
Leggi Tutto
“Ho preso il mio primo appuntamento dalla dottoressa 6 mesi fa. Dire che sono soddisfatta è dire poco! Sono felice e appagata. Non mi sono mai sentita a “dieta”, tutto saporito, nessuna restrizione particolare, la mia amata pizza una volta a settimana. La consiglio davvero a tutti. Volete stare bene senza sacrifici? Affidatevi a lei. ”
Marilena Rosati e Cristina Damasceni
Marilena Rosati e Cristina Damasceni
Leggi Tutto
“Io e mia figlia abbiamo iniziato il percorso a distanza con la dott.ssa Giovanna Gallotta poco più di un mese fa. Con la dott.ssa abbiamo imparato che si può stare a "dieta" mangiando saporito, condito, e ripassato in padella... insomma "non stare a dieta ma impara a mangiare". In questo modo io ho perso 4kg e mia figlia 5. Grazie per la sua professionalità, dedizione e cura verso noi pazienti.”
Maria Rosaria Ragno
Maria Rosaria Ragno
Leggi Tutto
“Mi ero rivolta ad altri nutrizionisti in passato ma non riuscivo mai a portare a termine i vari percorsi, drastici e tristi: tutto bollito e scondito. Con la dottoressa Gallotta ho imparato i giusti abbinamenti, a fare pasti completi e soprattutto ho ricominciato a cucinare come faceva mia nonna. Ho finalmente perso i chili di troppo e riesco a mantenere il peso senza sforzi. Grazie Dottoressa! ”
Martina Maremonti
Martina Maremonti
Leggi Tutto
“Ho intrapreso il mio percorso con la dott.ssa Gallotta per tornare in forma, alleviare i sintomi dell'ovaio policistico e gestire l'insulino resistenza che mi causava attacchi di fame, gonfiore e spossatezza. Grazie al metodo della Dott.ssa Gallotta, ho raggiunto dei risultati strepitosi senza privarmi di nulla, bensì imparando ad associare correttamente gli alimenti.”
Daniela Guerriera
Daniela Guerriera
Leggi Tutto
“Ho iniziato il percorso con la dottoressa Gallotta per perdere peso e ritrovare il benessere. Con la Dott. ssa si intraprende un percorso di apprendimento e auto-consapevolezza sulla giusta combinazione dei macro nutrienti essenziali che pone il paziente nella condizione di regolarsi in modo autonomo. Le sono molto grata per i risultati ottenuti e per gli insegnanti di cui farò tesoro nel tempo. ”
Antonella Filippo
Antonella Filippo
Leggi Tutto
“Mi sono rivolta alla dott.ssa Gallotta per imparare a gestire la mia insulino-resistenza e perdere qualche chilo. La dottoressa, dopo avermi ascoltato con attenzione e delicatezza estreme, ha cucito su di me un piano alimentare strepitoso. Nel giro di qualche mese, riesco facilmente a mantenere nella norma i valori glicemici, ho perso i chili di troppo e mi sento energica.”
Lorella Lamacchia
Lorella Lamacchia
Leggi Tutto
“Quella della dottoressa non è una "dieta" ma una rieducazione alimentare. Facendoti abbandonare i concetti di dieta, sgarro e conteggio calorie, ti porta per mano al tuo obiettivo. Se vi volete bene e volete fare un regalo a voi stesse, provate la dott.ssa Gallotta e non ve ne pentirete! E come dice sempre la dottoressa: "Non stare a dieta, impara a mangiare!"”
Vuoi incontrarmi?
Contattami per un appuntamento

Ti aspetto nel mio studio a Gioia del Colle (Ba) in via Federico II di Svevia 5305. Compila il modulo oppure chiama il numero 080 5749263 (da lunedì a venerdì, ore 16.00-19.00).

Inserire form come indicato