Tutta la verità sulla dieta iperproteica

Tutta la verità sulla dieta iperproteica

È la classica tentazione di chi ambisce a dimagrire in fretta: via tutti i carboidrati, largo ai secondi piatti.
Oppure la dieta iperproteica viene seguita da chi va in palestra, nell’illusione che le proteine della bistecca vadano a depositarsi esattamente sul bicipite.
Ma le cose non stanno così, e seguire un regime iperproteico può rivelarsi non solo inutile, ma anche controproducente o francamente nocivo.

Tutta la verità sulla dieta iperproteica

La quantità di proteine da assumere ogni giorno è oggetto di scrupolose ricerche scientifiche. In base ai dati ottenuti, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha emesso una raccomandazione che poi è stata “personalizzata” dagli istituti di ricerca delle diverse nazioni in base alle caratteristiche della popolazione. La quantità di proteine raccomandata per un italiano adulto è di 0,9 grammi per chilo di peso corporeo.

Questo dato non ti dice nulla? Hai ragione, detto così è comprensibile solo agli addetti ai lavori. Adesso cercherò di essere più chiara.

Innanzi tutto, il numerino non si riferisce ai grammi di alimento proteico, cioè 0,9 grammi di carne o pesce per chilo di peso corporeo, ma fa riferimento solo alle proteine contenute nella carne o nel pesce, ma anche nel grano e negli altri cereali. Si, hai capito bene: anche nei cereali. Nessun alimento è “puro”: tutti i cereali forniscono una quota di proteine, oltre ai carboidrati, così come gli alimenti di origine animale oltre alle proteine forniscono una quota di grassi (insaturi e benefici nel caso del pesce, trigliceridi e colesterolo per tutti gli altri, e già puoi iniziare a riflettere sull’opportunità di adottare un regime iperproteico…).

Facciamo due calcoli, vuoi?

Un uomo con un peso forma di 75 chili deve assumere ogni giorno 67,5 grammi di proteine (0,9 x 75), una donna con un peso ideale di 55 chili deve assumere quotidianamente 49,5 grammi di proteine (55 x 0,9).

Ti riporto il contenuto di proteine della porzione media di alcuni alimenti molto diffusi sulle tavole degli italiani:

  • 100 grammi di filetto di vitello: 20,5 grammi
  • 100 grammi di mozzarella: 18,7 grammi
  • 80 grammi di pasta: 8,6 grammi
  • 125 grammi di yogurt greco: 8 grammi
  • 50 grammi di pane integrale: 4 grammi
  • 2 kiwi: 1,8 grammi
  • 50 grammi di lenticchie: 12,5 grammi
  • 100 grammi di lattuga: 1,8 grammi
  • 1 uovo: 7,4 grammi

Tornando all’esempio della donna con peso ideale di 55 chili, se fa colazione con yogurt greco, 50 grammi di pane integrale e 2 kiwi; a pranzo mangia 80 grammi di pasta, 100 grammi di filetto di vitello e una porzione di insalata e cena con un uovo e un’altra porzione di insalata, ha assunto 53,5 grammi di proteine, a fronte di un fabbisogno di 49,5! E pensa che abbiamo fatto i calcoli immaginando una dieta restrittiva! E il nostro uomo di 75 chili di peso? Gli basta aumentare la porzione di filetto a 150 grammi e mangiare un’altra porzione di pane per coprire perfettamente il suo fabbisogno!

Quello che voglio dirti è che la quantità di proteine da assumere non è proprio un problema da porsi nell’epoca attuale: basta seguire un’alimentazione che sia un minimo razionale ed è più facile andare leggermente in eccesso che in difetto!

L’eccesso di proteine è inutile, oltre che dannoso

Qualsiasi nutriente assunto in eccedenza rispetto al proprio fabbisogno viene gestito dal corpo come un di più da trasformare in grasso (già, anche le proteine fanno ingrassare, non solo i tanto vituperati carboidrati) o da eliminare. E qui arrivano i dolori. Il metabolismo delle proteine produce sostanze tossiche come l’urea e composti azotati, che vengono smaltiti dal fegato e dai reni con un grande lavoro. Un regime iperproteico protratto nel tempo può danneggiare questi organi. Inoltre, come ho già accennato, gli alimenti proteici, sopratutto carne, formaggi e uova, portano in dote una certa quantità di grassi nocivi per il cuore e la circolazione. Numerosi studi hanno messo in relazione la dieta iperproteica con il rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre, il consumo eccessivo di carni rosse aumenta il rischio di cancro al colon, quello di affettati di cancro allo stomaco (fonte: AIRC Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro). Secondo alcuni studi, la dieta iperproteica accresce anche il rischio di infertilità maschile.

Se vuoi aumentare la massa muscolare

Centinaia di studi scientifici su diverse tipologie di atleti hanno dimostrato che non sono necessarie grandi quantità di proteine per aumentare la massa muscolare, e neppure per accrescere la forza. E’ però vero che chi si allena con regolarità deve assumere una quota di proteine leggermente più alta rispetto ad un sedentario. La ricerca scientifica ha chiarito inequivocabilmente a quanto ammonta il fabbisogno degli appassionati della palestra: 1,2 grammi di proteine per chilo di peso ideale, fino ad un massimo di 1,5 grammi per allenamenti particolarmente intensi, frequenti e prolungati. Neppure per gli atleti professionisti di sport di forza è consigliabile superare i 2 grammi per chilo di peso al giorno. Purtroppo nelle palestre girano a volte programmi che azzerano o quasi i carboidrati e propongono quantità eccessive di pollo e vitello, con in più gli integratori di proteine. Questo eccesso, come ho già spiegato, oltre che inutile è dannoso.

Cosa devi fare dunque se vuoi accrescere la massa muscolare? Oltre a garantirti la quantità di proteine già riportata, bada bene a non farti mancare i carboidrati. Devono rappresentare il 50-55% della tua razione quotidiana. Ti spiego perchè: nel muscolo è presente un polisaccaride del glucosio, il glicogeno, che consumi quando ti alleni. Se vuoi mantenere la massa muscolare, devi rimpolpare costantemente questa riserva. In più, il tuo corpo non può fare a meno del glucosio: se non glielo fornisci, andrà a cannibalizzare i muscoli per prendersi il glucosio immagazzinato sotto forma di glicogeno. Infine, il pasto dopo l’allenamento deve prevedere una porzione di proteine (non vuol dire che deve essere composto esclusivamente di proteine). Subito dopo un allenamento si instaurano dei processi che riparano i muscoli dai micro traumi subiti durante l’allenamento e aumentano il loro volume, compatibilmente con l’età e la predisposizione genetica individuale.

Se vuoi dimagrire

Se adotti la dieta iperproteica per dimagrire, oltre a correre gli stessi rischi per la salute che ho già descritto e al rischio di non perdere peso se eccedi con gli alimenti proteici per il meccanismo di cui ho già parlato, sappi che l’eccesso di proteine, per l’affaticamento del fegato e dei reni cui ho già accennato, può regalarti cellulite, cuscinetti sull’interno coscia e occhiaie. Se poi hai la conformazione “a mela”, cioè gambe magre ma busto e braccia pieni, la dieta iperproteica non farà altro che accentuare questo disequilibrio. Inoltre, se hai questa conformazione o se sei in menopausa sei già di tuo predisposta a colesterolo alto e ipertensione: non faresti altro che accrescere la probabilità di incorrere in queste condizioni!

Infine, per le nostre tradizioni e per l’impatto dei carboidrati sul buonumore e sullo stato d’animo, la dieta iperproteica non può essere seguita a lungo. Dunque, ammesso anche che tu riesca a perdere peso con questo regime, dopo pochi mesi lo abbandoneresti per incorrere nell’effetto yo-yo. Solo imparando mangiare in maniera equilibrata e consona alle tue caratteristiche fisiche potrai dire addio per sempre ai chili di troppo.

Argomenti

Dicono di me

Ricette salutari per tutti i giorni

Anna Plantone
Anna Plantone
Leggi Tutto
“Ho iniziato il mio con la Dott.ssa Gallotta con l'obbiettivo di imparare a mangiare, attratta dal suo metodo "Non stare a dieta, impara a mangiare!" La consiglio vivamente perché ho imparato a seguire un alimentazione sana, funzionale e bilanciata senza tante rinunce. Il mio corpo e la mia mente mi ringraziano!”
Milena Zullo
Milena Zullo
Leggi Tutto
“Ho voluto iniziare il percorso con la dottoressa Gallotta perché ero stanca di seguire diete tristi e senza risultati. Seguendola, incredibilmente ho perso peso mangiando con gusto e piacere. Ho perso ben 12 kg, ma non solo: è cambiato tutto il mio processo digestivo e per nessun motivo al mondo vorrei tornare indietro da questo stato di benessere . La consiglio a chiunque voglia farsi un regalo.”
Margherita Girardi
Margherita Girardi
Leggi Tutto
“Ho preso il mio primo appuntamento dalla dottoressa 6 mesi fa. Dire che sono soddisfatta è dire poco! Sono felice e appagata. Non mi sono mai sentita a “dieta”, tutto saporito, nessuna restrizione particolare, la mia amata pizza una volta a settimana. La consiglio davvero a tutti. Volete stare bene senza sacrifici? Affidatevi a lei. ”
Marilena Rosati e Cristina Damasceni
Marilena Rosati e Cristina Damasceni
Leggi Tutto
“Io e mia figlia abbiamo iniziato il percorso a distanza con la dott.ssa Giovanna Gallotta poco più di un mese fa. Con la dott.ssa abbiamo imparato che si può stare a "dieta" mangiando saporito, condito, e ripassato in padella... insomma "non stare a dieta ma impara a mangiare". In questo modo io ho perso 4kg e mia figlia 5. Grazie per la sua professionalità, dedizione e cura verso noi pazienti.”
Maria Rosaria Ragno
Maria Rosaria Ragno
Leggi Tutto
“Mi ero rivolta ad altri nutrizionisti in passato ma non riuscivo mai a portare a termine i vari percorsi, drastici e tristi: tutto bollito e scondito. Con la dottoressa Gallotta ho imparato i giusti abbinamenti, a fare pasti completi e soprattutto ho ricominciato a cucinare come faceva mia nonna. Ho finalmente perso i chili di troppo e riesco a mantenere il peso senza sforzi. Grazie Dottoressa! ”
Martina Maremonti
Martina Maremonti
Leggi Tutto
“Ho intrapreso il mio percorso con la dott.ssa Gallotta per tornare in forma, alleviare i sintomi dell'ovaio policistico e gestire l'insulino resistenza che mi causava attacchi di fame, gonfiore e spossatezza. Grazie al metodo della Dott.ssa Gallotta, ho raggiunto dei risultati strepitosi senza privarmi di nulla, bensì imparando ad associare correttamente gli alimenti.”
Daniela Guerriera
Daniela Guerriera
Leggi Tutto
“Ho iniziato il percorso con la dottoressa Gallotta per perdere peso e ritrovare il benessere. Con la Dott. ssa si intraprende un percorso di apprendimento e auto-consapevolezza sulla giusta combinazione dei macro nutrienti essenziali che pone il paziente nella condizione di regolarsi in modo autonomo. Le sono molto grata per i risultati ottenuti e per gli insegnanti di cui farò tesoro nel tempo. ”
Antonella Filippo
Antonella Filippo
Leggi Tutto
“Mi sono rivolta alla dott.ssa Gallotta per imparare a gestire la mia insulino-resistenza e perdere qualche chilo. La dottoressa, dopo avermi ascoltato con attenzione e delicatezza estreme, ha cucito su di me un piano alimentare strepitoso. Nel giro di qualche mese, riesco facilmente a mantenere nella norma i valori glicemici, ho perso i chili di troppo e mi sento energica.”
Lorella Lamacchia
Lorella Lamacchia
Leggi Tutto
“Quella della dottoressa non è una "dieta" ma una rieducazione alimentare. Facendoti abbandonare i concetti di dieta, sgarro e conteggio calorie, ti porta per mano al tuo obiettivo. Se vi volete bene e volete fare un regalo a voi stesse, provate la dott.ssa Gallotta e non ve ne pentirete! E come dice sempre la dottoressa: "Non stare a dieta, impara a mangiare!"”
Vuoi incontrarmi?
Contattami per un appuntamento

Ti aspetto nel mio studio a Gioia del Colle (Ba) in via Federico II di Svevia 5305. Compila il modulo oppure chiama il numero 080 5749263 (da lunedì a venerdì, ore 16.00-19.00).

Inserire form come indicato