La dieta chetogenica

La dieta chetogenica

Nonostante la dieta sia un atto medico, che quindi necessita di una stretta personalizzazione su ogni individuo per poter funzionare bene, il desiderio diffuso di raggiungere traguardi lontani con poco sforzo fa sì che periodicamente vada per la maggiore una dieta più o meno miracolosa.
Passate di moda la dieta zona, la iperproteica e la paleo, questo è il momento della dieta chetogenica.
Questo regime alimentare è conosciuto fin dagli anni ’20 del secolo scorso. Più che una dieta, è una vera e propria terapia e, come tale, ha specifiche indicazioni e riesce a risolvere situazioni altrimenti stagnanti, ma presenta anche severe controindicazioni.

La dieta chetogenica

La dieta chetogenica è un regime che induce il corpo a sintetizzare particolari molecole chiamate corpi chetonici e lo obbliga ad utilizzarli come unica fonte energetica al posto del glucosio, lo zucchero semplice che normalmente è il carburante utilizzato dalle cellule.

Il corpo produce corpi chetonici dopo qualche giorno di un regime alimentare in cui i carboidrati siano fra i 20 e i 50 grammi al giorno. La restrizione dei carboidrati è compensata da una più elevata assunzione di grassi, mentre la componente proteica di una vera dieta chetogenica non si discosta molto dall’assunzione media raccomandata. Per farti un esempio, in una dieta standard impostata sulle abitudini degli italiani, i nutrienti sono così ripartiti:

  • Carboidrati 50%
  • Grassi 30%
  • Proteine 20%
  • Il rapporto delle diete chetogeniche è il seguente:
  • Carboidrati 0-5%
  • Grassi 70-75%
  • Proteine 20-25%

Dopo alcuni giorni di alimentazione così strutturata, inizia la produzione massiva dei corpi chetonici, cui sono dovuti gli effetti “terapeutici” delle diete chetogeniche. Già, questo tipo di dieta, o meglio i corpi chetonici, in certe condizioni sostituiscono i farmaci. E’ questo il caso delle epilessie farmaco resistenti, delle cefalee ed emicranie, delle malattie neuro degenerative e dei tumori cerebrali, situazioni in cui la dieta chetogenica è a volte l’unico rimedio efficace. Inoltre con questo regime alimentare è possibile sbloccare le situazioni di sovrappeso resistente a qualsiasi altro approccio dietetico. Queste situazioni di stallo si verificano quando il corpo, a causa di sovra alimentazione protratta per lungo tempo, sedentarietà ed eccessiva assunzione di zuccheri, perde la capacità di bruciare il grasso di scorta. La dieta chetogenica, in questo caso, rieduca il corpo ad utilizzare i grassi, con vantaggio non solo nell’immediato, cioè la perdita di peso che si verifica nel periodo di dieta, ma anche nel futuro, lasciando in dote un metabolismo più efficiente nello smaltimento dei grassi a patto che non venga abbandonata di punto in bianco ma con una saggia transizione.

Non vedi l’ora di iniziare? Stai già sognando di dire addio all’emicrania e di diventare una persona che mangia e non ingrassa?

Aspetta! Come ogni medicina, ci sono condizioni in cui assolutamente non può essere seguita, cioè:

  • Diabete tipo 1;
  • Malattie del fegato;
  • Malattie dei reni;
  • Malattie del cuore;
  • Soggetti molto stressati;
  • Età troppo giovanile, eccetto i bambini con epilessia farmaco resistente.

Non rientri in nessuna di queste condizioni? Allora devi sapere che affrontare una dieta chetogenica non è una passeggiata.

Innanzitutto, per “entrare nella chetosi” possono essere necessarie 2-3 settimane. In questo periodo nessuno “sgarro” è ammesso. Una mela, un cracker, un tarallino… nessuna di queste piccole innocenti evasioni è consentita, o mandi a monte il processo che ti porta a sintetizzare i corpi chetonici e devi ripartire da zero. Quindi, se sei il tipo “qualunque cosa, ma la pizza il sabato sera con gli amici è sacra” lascia perdere, non iniziare neppure. Fra l’altro, in questo periodo non è detto che perdi peso: serve a farti produrre i corpi chetonici, la perdita di peso avverrà nella fase successiva: tante ristrettezze senza risultati immediati richiedono una grande determinazione.

Come fai a sapere quando sei “entrato in chetosi”, cioè quando il tuo corpo ha iniziato a sintetizzare massivamente quei meravigliosi composti che ti faranno dimagrire, rimanere magro, senza più cefalea, emicrania e capaci di contrastare le ben più gravi condizioni già elencate? Ci sono alcuni segni clinici che consentono di riconoscere lo stato di chetosi, ma per avere la certezza devi controllare ogni giorno, almeno una volta al giorno, le tue urine con uno stick. In pratica, devi farti da solo delle ripetute analisi delle urine. Ne hai la voglia e il tempo?

Ancora, fra i corpi chetonici c’è l’acetone. Il suo inconfondibile odore ti caratterizzerà. Lo emetterai dall’alito, dal respiro e dalla pelle. In fase iniziale potrai anche soffrire di stipsi e sentirti mentalmente poco lucido: se sei uno studente sotto esame o fai un lavoro che richiede prontezza di riflessi, rinvia la dieta chetogenica ad un periodo di ferie. C’è da dire che l’annebbiamento cognitivo è transitorio e lascia il passo, a transizione verso la chetosi avvenuta, a maggiore energia e lucidità mentale.

Ce l’hai fatta, hai superato le 2-3 settimane di avversità e puoi goderti gli effetti dei corpi chetonici. Per quanto tempo devi rimanere a regime? Dipende dall’obiettivo: se sei un soggetto che deve perdere peso ma non rispondeva a nessun altro approccio dietetico, dipende dall’entità del sovrappeso; se il tuo problema è l’epilessia farmaco resistente, questa sarà la tua alimentazione per la vita. Se rientri nel primo caso, una volta raggiunta la meta e smaltito il sovrappeso, è vero come ho già detto che godrai di un metabolismo più efficiente, ma devi ritornare verso un’alimentazione meno restrittiva in maniera molto saggia e ben controllata, o disperderai il patrimonio di efficienza metabolica conquistato.

In conclusione, si alla dieta chetogenica se soffri di epilessia resistente ai farmaci, sei affetto da tumori cerebrali, malattie neuro degenerative, emicranie e cefalee e contemporaneamente non rientri nelle condizioni già elencate in cui è controindicata. Se il problema è il sovrappeso ostinato, devi armarti di una grandissima determinazione e spirito di sacrificio, che saranno ripagati dalla perdita di peso e dalla “rieducazione metabolica”; se queste caratteristiche non ti appartengono, cerca altre soluzioni, come una dieta meno estrema abbinata ad una buona dose di movimento.

Argomenti

Dicono di me

Ricette salutari per tutti i giorni

Anna Plantone
Anna Plantone
Leggi Tutto
“Ho iniziato il mio con la Dott.ssa Gallotta con l'obbiettivo di imparare a mangiare, attratta dal suo metodo "Non stare a dieta, impara a mangiare!" La consiglio vivamente perché ho imparato a seguire un alimentazione sana, funzionale e bilanciata senza tante rinunce. Il mio corpo e la mia mente mi ringraziano!”
Milena Zullo
Milena Zullo
Leggi Tutto
“Ho voluto iniziare il percorso con la dottoressa Gallotta perché ero stanca di seguire diete tristi e senza risultati. Seguendola, incredibilmente ho perso peso mangiando con gusto e piacere. Ho perso ben 12 kg, ma non solo: è cambiato tutto il mio processo digestivo e per nessun motivo al mondo vorrei tornare indietro da questo stato di benessere . La consiglio a chiunque voglia farsi un regalo.”
Margherita Girardi
Margherita Girardi
Leggi Tutto
“Ho preso il mio primo appuntamento dalla dottoressa 6 mesi fa. Dire che sono soddisfatta è dire poco! Sono felice e appagata. Non mi sono mai sentita a “dieta”, tutto saporito, nessuna restrizione particolare, la mia amata pizza una volta a settimana. La consiglio davvero a tutti. Volete stare bene senza sacrifici? Affidatevi a lei. ”
Marilena Rosati e Cristina Damasceni
Marilena Rosati e Cristina Damasceni
Leggi Tutto
“Io e mia figlia abbiamo iniziato il percorso a distanza con la dott.ssa Giovanna Gallotta poco più di un mese fa. Con la dott.ssa abbiamo imparato che si può stare a "dieta" mangiando saporito, condito, e ripassato in padella... insomma "non stare a dieta ma impara a mangiare". In questo modo io ho perso 4kg e mia figlia 5. Grazie per la sua professionalità, dedizione e cura verso noi pazienti.”
Maria Rosaria Ragno
Maria Rosaria Ragno
Leggi Tutto
“Mi ero rivolta ad altri nutrizionisti in passato ma non riuscivo mai a portare a termine i vari percorsi, drastici e tristi: tutto bollito e scondito. Con la dottoressa Gallotta ho imparato i giusti abbinamenti, a fare pasti completi e soprattutto ho ricominciato a cucinare come faceva mia nonna. Ho finalmente perso i chili di troppo e riesco a mantenere il peso senza sforzi. Grazie Dottoressa! ”
Martina Maremonti
Martina Maremonti
Leggi Tutto
“Ho intrapreso il mio percorso con la dott.ssa Gallotta per tornare in forma, alleviare i sintomi dell'ovaio policistico e gestire l'insulino resistenza che mi causava attacchi di fame, gonfiore e spossatezza. Grazie al metodo della Dott.ssa Gallotta, ho raggiunto dei risultati strepitosi senza privarmi di nulla, bensì imparando ad associare correttamente gli alimenti.”
Daniela Guerriera
Daniela Guerriera
Leggi Tutto
“Ho iniziato il percorso con la dottoressa Gallotta per perdere peso e ritrovare il benessere. Con la Dott. ssa si intraprende un percorso di apprendimento e auto-consapevolezza sulla giusta combinazione dei macro nutrienti essenziali che pone il paziente nella condizione di regolarsi in modo autonomo. Le sono molto grata per i risultati ottenuti e per gli insegnanti di cui farò tesoro nel tempo. ”
Antonella Filippo
Antonella Filippo
Leggi Tutto
“Mi sono rivolta alla dott.ssa Gallotta per imparare a gestire la mia insulino-resistenza e perdere qualche chilo. La dottoressa, dopo avermi ascoltato con attenzione e delicatezza estreme, ha cucito su di me un piano alimentare strepitoso. Nel giro di qualche mese, riesco facilmente a mantenere nella norma i valori glicemici, ho perso i chili di troppo e mi sento energica.”
Lorella Lamacchia
Lorella Lamacchia
Leggi Tutto
“Quella della dottoressa non è una "dieta" ma una rieducazione alimentare. Facendoti abbandonare i concetti di dieta, sgarro e conteggio calorie, ti porta per mano al tuo obiettivo. Se vi volete bene e volete fare un regalo a voi stesse, provate la dott.ssa Gallotta e non ve ne pentirete! E come dice sempre la dottoressa: "Non stare a dieta, impara a mangiare!"”
Vuoi incontrarmi?
Contattami per un appuntamento

Ti aspetto nel mio studio a Gioia del Colle (Ba) in via Federico II di Svevia 5305. Compila il modulo oppure chiama il numero 080 5749263 (da lunedì a venerdì, ore 16.00-19.00).

Inserire form come indicato