La dieta per il morbo di Alzheimer

La dieta per il morbo di Alzheimer

È oramai scientificamente dimostrato che alcuni alimenti e nutrienti, di cui per altro la dieta mediterranea è ricca, possono essere un valido supporto nella prevenzione del Morbo di Alzheimer.

La dieta per il morbo di Alzheimer

L’aumentare dell’aspettativa di vita ha come contropartita l’incremento parallelo dei disturbi neurodegenerativi come il morbo di Alzheimer. Questa malattia è caratterizzata dall’accumulo nel cervello di grovigli neurofibrillari formati da una proteina detta tau iperfosforilata e da placche senili composte da una sostanza chiamata beta amiloide. Sia la proteina tau iperfosforilata che la sostanza amiloide si accumulano in grande quantità nel cervello dei malati di Alzheimer, rovinandone le cellule.

Ci sono le prove scientifiche che dimostrano che alcuni nutrienti specifici esercitano un effetto diretto sia sulla produzione di beta amiloide che sull’elaborazione della proteina tau e sulla loro eliminazione. Inoltre, alcuni nutrienti possono modulare la risposta infiammatoria e lo stress ossidativo correlato alla malattia. Vediamo quali sono i nutrienti capaci di prevenire il morbo di Alzheimer.

Acidi grassi mono insaturi e poli insaturi

Li trovi nella frutta a guscio (noci, mandorle, ecc.), semi oleaginosi (lino, sesamo, ecc.), oli vegetali spremuti a freddo e conservati in bottiglie scure (per alcuni, come l’olio di semi di lino, è necessaria anche la conservazione in frigorifero) e pesce, sopratutto il pesce azzurro. Particolarmente importanti per il morbo di Alzheimer sono gli acidi grassi omega 3, sia per l’azione anti infiammatoria  (il processo infiammatorio costituisce uno dei meccanismi essenziali della demenza) sia perchè svolgono un ruolo fondamentale nella normale crescita, sviluppo e funzione del sistema nervoso, nonché nel suo mantenimento e nella conservazione della struttura delle cellule del cervello, i neuroni. In particolare il DHA, acido grasso essenziale della famiglia degli omega tre, può essere incorporato nelle membrane delle cellule del cervello, dove può avere un effetto diretto sulla prevenzione dell’elaborazione di precursori della sostanza beta amiloide.

Vitamine

Sono fondamentali per contrastare lo stress ossidativo, condizione su cui si innestano le malattie degenerative come il morbo di Alzheimer. Per questo motivo, l’assunzione di frutta e verdura, ricche di vitamine come vitamina A, C, D, E e il complesso B, può giocare un ruolo preventivo contro lo sviluppo del morbo di Alzheimer, grazie alla loro azione antiossidante. Gli scienziati hanno inoltre dimostrato che bassi livelli delle vitamine A, D, E, K e C sono associati ad un più rapido declino cognitivo negli anziani e nei pazienti affetti da morbo di Azheimer. Tieni presente che le vitamine liposolubili, cioè la A, la E, la D e la K, diventano più attive dopo la cottura e vengono meglio assorbite in presenza di olio. Le vitamine idrosulibili, cioè la vitamina C e il complesso B, sono invece termolabili, per cui la loro concentrazione si riduce con la cottura.

Polifenoli

Sono un’altra preziosa categoria di composti presenti in alcuni alimenti vegetali che sembrano capaci di diminuire i livelli della sostanza beta amiloide. Si trovano nell’uva, nell’olio extravergine di oliva, nel tè verde, nella cipolla rossa, nella buccia della mela, nei capperi, nei frutti di bosco e nella curcuma.

Così come alcuni composti hanno dimostrata azione protettiva, ce ne sono altri che invece pare abbiano un ruolo predisponente nei confronti della malattia. Sono i grassi saturi, presenti nelle carni rosse e nei formaggi, e i grassi idrogenati, presente negli alimenti industriali.

Il modello alimentare che nel complesso risulta vincente, nella prevenzione del morbo di Alzheimer come per molte altre patologie cronico degenerative, è la dieta mediterranea tradizionale.

Argomenti

Dicono di me

Ricette salutari per tutti i giorni

Anna Plantone
Anna Plantone
Leggi Tutto
“Ho iniziato il mio con la Dott.ssa Gallotta con l'obbiettivo di imparare a mangiare, attratta dal suo metodo "Non stare a dieta, impara a mangiare!" La consiglio vivamente perché ho imparato a seguire un alimentazione sana, funzionale e bilanciata senza tante rinunce. Il mio corpo e la mia mente mi ringraziano!”
Milena Zullo
Milena Zullo
Leggi Tutto
“Ho voluto iniziare il percorso con la dottoressa Gallotta perché ero stanca di seguire diete tristi e senza risultati. Seguendola, incredibilmente ho perso peso mangiando con gusto e piacere. Ho perso ben 12 kg, ma non solo: è cambiato tutto il mio processo digestivo e per nessun motivo al mondo vorrei tornare indietro da questo stato di benessere . La consiglio a chiunque voglia farsi un regalo.”
Margherita Girardi
Margherita Girardi
Leggi Tutto
“Ho preso il mio primo appuntamento dalla dottoressa 6 mesi fa. Dire che sono soddisfatta è dire poco! Sono felice e appagata. Non mi sono mai sentita a “dieta”, tutto saporito, nessuna restrizione particolare, la mia amata pizza una volta a settimana. La consiglio davvero a tutti. Volete stare bene senza sacrifici? Affidatevi a lei. ”
Marilena Rosati e Cristina Damasceni
Marilena Rosati e Cristina Damasceni
Leggi Tutto
“Io e mia figlia abbiamo iniziato il percorso a distanza con la dott.ssa Giovanna Gallotta poco più di un mese fa. Con la dott.ssa abbiamo imparato che si può stare a "dieta" mangiando saporito, condito, e ripassato in padella... insomma "non stare a dieta ma impara a mangiare". In questo modo io ho perso 4kg e mia figlia 5. Grazie per la sua professionalità, dedizione e cura verso noi pazienti.”
Maria Rosaria Ragno
Maria Rosaria Ragno
Leggi Tutto
“Mi ero rivolta ad altri nutrizionisti in passato ma non riuscivo mai a portare a termine i vari percorsi, drastici e tristi: tutto bollito e scondito. Con la dottoressa Gallotta ho imparato i giusti abbinamenti, a fare pasti completi e soprattutto ho ricominciato a cucinare come faceva mia nonna. Ho finalmente perso i chili di troppo e riesco a mantenere il peso senza sforzi. Grazie Dottoressa! ”
Martina Maremonti
Martina Maremonti
Leggi Tutto
“Ho intrapreso il mio percorso con la dott.ssa Gallotta per tornare in forma, alleviare i sintomi dell'ovaio policistico e gestire l'insulino resistenza che mi causava attacchi di fame, gonfiore e spossatezza. Grazie al metodo della Dott.ssa Gallotta, ho raggiunto dei risultati strepitosi senza privarmi di nulla, bensì imparando ad associare correttamente gli alimenti.”
Daniela Guerriera
Daniela Guerriera
Leggi Tutto
“Ho iniziato il percorso con la dottoressa Gallotta per perdere peso e ritrovare il benessere. Con la Dott. ssa si intraprende un percorso di apprendimento e auto-consapevolezza sulla giusta combinazione dei macro nutrienti essenziali che pone il paziente nella condizione di regolarsi in modo autonomo. Le sono molto grata per i risultati ottenuti e per gli insegnanti di cui farò tesoro nel tempo. ”
Antonella Filippo
Antonella Filippo
Leggi Tutto
“Mi sono rivolta alla dott.ssa Gallotta per imparare a gestire la mia insulino-resistenza e perdere qualche chilo. La dottoressa, dopo avermi ascoltato con attenzione e delicatezza estreme, ha cucito su di me un piano alimentare strepitoso. Nel giro di qualche mese, riesco facilmente a mantenere nella norma i valori glicemici, ho perso i chili di troppo e mi sento energica.”
Lorella Lamacchia
Lorella Lamacchia
Leggi Tutto
“Quella della dottoressa non è una "dieta" ma una rieducazione alimentare. Facendoti abbandonare i concetti di dieta, sgarro e conteggio calorie, ti porta per mano al tuo obiettivo. Se vi volete bene e volete fare un regalo a voi stesse, provate la dott.ssa Gallotta e non ve ne pentirete! E come dice sempre la dottoressa: "Non stare a dieta, impara a mangiare!"”
Vuoi incontrarmi?
Contattami per un appuntamento

Ti aspetto nel mio studio a Gioia del Colle (Ba) in via Federico II di Svevia 5305. Compila il modulo oppure chiama il numero 080 5749263 (da lunedì a venerdì, ore 16.00-19.00).

Inserire form come indicato